Dall “engagement” alla “surveillance”.

Dai Beacon alla IOT il passo è stato breve. O forse già c’eravamo. I confini nel digital sono effettivamente sempre più labili. Da anni stiamo lavorando sulle interazioni tra fisico e digitale soprattutto relative al punto vendita, al retail, al commercio e mentre quell’ambito presenta alcuni ostacoli, dati dal fatto che tendenzialmente i clienti non hanno la volontà di essere reperiti e  tracciati (per ora, anche se avrebbero tutta la convenienza a collaborare), in questo nuovo ambito di applicazione che è quella dell’assistenza in ambito strutture ospedaliere, o residenze per anziani, è volontà di tutti e vantaggio anche del paziente essere in ogni istante sotto controllo e reperibile. Altro paradigma.

Abbiamo condotto quattro mesi di sperimentazione provando diverse tecnologie : dagli ultrasuoni, agli infrarossi ai sensori termici di derivazione militare, per arrivare ad uno stack tecnologico che consenta appunto il monitoraggio in tempo reale degli ampi spazi solitamente “abitati” dai degenti, dando così un importantissimo supporto nei periodi in cui il personale di sorveglianza cala per qualsivoglia necessità: dai turni, agli orari notturni, agli avvicendamenti.

Già in questo piccolo periodo di sperimentazione ci siamo resi conto come sia in esplosione l’attività di produzione di sensoristica per i più disparati ambiti. La contaminazione inoltre tra diversi settori (abbiamo visto molti apparati di derivazione militare) farà sì che gli scenari di applicazione si moltiplichino e si facciano sempre più evoluti.

Dopo questa prima fase di applicazione in ambito B2B è nostra intenzione riversare il know-how e l’esperienza specifica in ambito home care, sperando di dare supporto a quelle famiglie che hanno purtroppo anziani e persone bisognose che vivono staccate dal nucleo familiare e che sono quindi distanti da un occhio vigile, da un’assistenza pronta e continuativa data solitamente dai rapporti di parentela e vicinato.

Una nuova entusiasmante avventura che eleverà ancora una volta le nostre specifiche competenze nel mare del digitale.

Comments are closed